Esperienze

Frequentavo poco raccomandabili compagnie, ma non mi rendevo conto di quello che facevo perché ero un ragazzo. Sembrava che dovevi fare tutto quello che facevano loro per stare bene, ma qualcosa non andava dentro di me. Sono riuscito a non sprofondare in esperienze negative grazie alla forte passione  per la pesca in apnea che è nata per caso, ma è stato amore a prima vista. I miei amici in molti hanno fatto una brutta fine, mentre io posso dire di avere vissuto una vita  fantastica. Un giorno di un passato indelebile mi immersi in apnea lungo i fondali Toscani dove sono nato. Il mare era meraviglioso, ricco di vita e di silenzio, tanto che riuscivo a sentire anche il battito del mio cuore come non avevo mai udito prima. I pesci guizzanti e scaltri eccitavano la mia fantasia ed il solo pensiero di sfidare la  preda, mi faceva riaffiorare istinti atavici che non credevo di possedere. Ero un ragazzo predisposto a capire il senso della vita, quindi mi innamorai subito. Un amore così profondo che ci pensavo notte e giorno. Mi sentivo attratto e volevo scoprire ogni dettaglio. Improvvisamente non mi interessava più “il branco”. Al venerdì sera invece di unirmi a loro, io andavo a dormire presto, perchè al sorgere del sole volevo già assaporare l’aurora con il sale sulla pelle, una sensazione magica! Affrontavo con felicità la solitudine perché mi donava una nuova energia che prima neanche conoscevo. Una volta immerso cominciavo a guardarmi intorno ma riuscivo anche a vedermi dentro, quindi percepivo ogni reazione, ogni pensiero. Solo in quei momenti ho capito l’essenza della mia vita. Non ho mai amato le cose facili, il tutto e subito, il sentirmi appagato solo dalla trasgressione. Ho imparato il valore della fatica e della pazienza, non ho mai sofferto né di solitudine né di depressione perché appena immerso nel silenzio del mare, potevo ascoltare la musica delle emozioni e vedere tutto me stesso.

 

GUARDA IL VIDEO 

 

TORNA ALL’ELENCO RIFLESSIONI:

Connect with us